Quando decisi di rifare il mio sito mi venne proposto di optare per un blog. Primo pensiero fra tutti: “oltre alla mole di lavoro già presente e agli impegni quotidiani che vedono protagonisti bimbo compagno e cane (in ordine di difficoltà) dovrei mettermi anche a scrivere per mantenere un blog attivo???”
e subito dopo arrivò un altro pensiero: “ma scrivere non è proprio il mio forte”. Quest’ultimo si presentava anche con una lunga sub-categoria di altri piacevoli pensieri giudicanti che non sto ad elencare. Uscire dalla comfort zone, guida che offro spesso durante le lezioni così come lontano dal tappetino. Eccomi davanti alla perfetta occasione per tuffarmi in una nuova avventura. Nuda e cruda; mi troverete così come sono, pronta ad offrire quello che amo e a condividere con voi ciò che mi aiuta nel quotidiano, ciò che mi arricchisce e mi appassiona.

Vi ringrazio per aver scelto di percorrere qualche passo insieme a me e magari di alzare le mani verso il vuoto immenso avvolti da un cielo che non finisce mai

Foto: Table Mountain, Cape Town 2012
Sono particolarmente affezionata a questo scatto, anche se non si comprende a pieno la situazione in cui mi trovavo. Questa meraviglia della natura si leva ripida sull’oceano Atlantico culminando con una sommità spianata. Alla fine di una lunga camminata fino in cima alla montagna vidi questa roccia sporgente e mi venne voglia di vederla da vicino. Una volta sul lastrone si scorgeva la punta finale che affacciava su un panorama mozzafiato; a 900 metri a strapiombo sulla  terra. Non resistetti e strisciando a pancia in giù mi portai fino alla fine della roccia, incredibile ma vero, il forte vento sudafricano “The Doctor”, aveva scolpito una sorta di trono! Impossibile resistere all’invito di sedercisi sopra con le gambe a penzoloni. Dopo pochi respiri avvolta solamente da vento e suoni di natura sollevai le braccia e lancia un urlo di felicità. Il mio compagno di camminata di quel giorno colse l’attimo perfetto ed eccomi qui. Ad oggi, anche forse con un senso di responsabilità da mamma, mi vengono i brividi a ripensare di poterlo ripetere. Ma certe cose non vanno ripetute;)